Aldo, Author at ObiettivoMeno | Pagina 2 di 3ObiettivoMeno | Page 2

Author Archives Aldo

house

Sistemi efficienti di utenza,un nuovo inizio per l’efficienza energetica

By : Aldo |aprile 08, 2014 |Efficienza energetica, Home |0 Comment

Sono ormai lontani i tempi in cui installare un impianto fotovoltaico conveniva grazie agli incentivi statali. L’interesse verso l’installazione di impianti ad energia rinnovabile ed impianti altamente efficienti, quali ad esempio i cogeneratori CAR, ha portato, negli anni, ad un cambiamento radicale della struttura della rete elettrica nazionale ed alle abitudini dei consumatori.

 

Un nuovo modo di concepire l’efficienza energetica sta prendendo piede con l’avvento dei Sistemi Efficienti di Utenza, comunemente detti SEU.

I Sistemi Efficienti di Utenza sono sistemi alimentati da impianti a rinnovabili o di cogenerazione ad alto rendimento, con potenza fino a 20 MWe, gestiti da un solo produttore, anche diverso dal cliente finale, direttamente connessi tramite un collegamento privato all’unità di consumo e realizzati all’interno di un’area di proprietà o nella piena disponibilità del cliente stesso.

 

 

Fonte: –  www.ecquologia.com – esempio di SEU

Regolamentati dalla Delibera 578/2013 pubblicata dall’AEEG, in pratica permettono al produttore di produrre e vendere l’energia nello stesso sito, con l’obiettivo di ridurre i costi dell’energia per il cliente finale. Infatti, il vantaggio economico consiste nel fatto che il cliente finale non dovrà pagare, in fattura, i corrispettivi degli oneri generali di sistema e dei trasporti, proprio perché non viene utilizzata la rete nazionale, in quanto i luoghi di produzione e consumo coincidono.

Un bel risparmio, se si pensa che queste sono le voci che sempre di più incidono sulla bolletta elettrica.

Un cambiamento sostanziale riguarda il fatto che gli operatori devono trasformarsi da semplici progettisti e installatori in una sorta di energy manager, in grado di analizzare i consumi energetici dei clienti per offrire loro soluzioni costruite su misura, perché il sistema è tanto più efficiente quanto più il profilo di carico e di consumo coincidono.

Diverso è anche il modello di business: non si venderà più un semplice impianto, ma il produttore venderà energia con un impianto che rimane di sua proprietà e che potrà magari affittare per un periodo limitato di tempo.

Fonte: AEEG- Composizione percentuale del prezzo dell’energia elettrica – IV trimestre 2013

Read More
emissioni

Le emissioni di co2 e la produzione di energia elettrica

By : Aldo |aprile 01, 2014 |Emissioni, energia, Home |0 Comment

Il riscaldamento globale è un problema ormai noto ed i governi di tutto il mondo si stanno muovendo per prendere i provvedimenti opportuni, attuando, seppur timidamente, gli accordi internazionali che prevedono riduzioni significative delle emissioni di anidride carbonica che è necessario raggiungere. Gli obiettivi sono ambizioni, la roadmap 2050 vede, per l’Europa, una riduzione delle emissioni dell’80% entro il 2050, prendendo come base il 1990.

Dai dati riportati in tabella è possibile notare come la riduzione delle emissioni richiesta per ogni settore sia significativa. Può essere preso come esempio il settore dei trasporti, nel quale nel periodo 1990-2005 le emissioni sono aumentate del 30% e si richiede entro il 2050, di ridurle di una percentuale compresa tra il 54% ed il 67%.

Se si continuasse ad adottare la politica energetica corrente, gli obiettivi previsti per il 2050 non verrebbero rispettati, in quanto si otterrebbe una riduzione delle emissioni di circa il 40%. E’ bene ricordare che si tratta sempre di previsioni nel lungo periodo.

È interessante notare come il settore energetico sia quello nei confronti del quale si prevede una riduzione delle emissioni praticamente totale, minimo del 92%, massimo del 99%. Equivale ad affermare che l’energia elettrica che utilizzeremo nei prossimi anni sarà ad impatto zero.

L’Italia, tecnologicamente all’avanguardia nel settore della produzione dell’energia elettrica, ha investito molte risorse per cercare di produrre energia elettrica sempre più green.

Gli sforzi hanno permesso di ridurre il fattore dell’energia elettrica da un valore di 578 gCO2/kWh del 1990 a 373,6 gCO2/kWh nel 2013. Una riduzione del 35% in 23 anni. Ciò è stato possibile grazie alla riduzione costante dell’utilizzo delle fonti fossili, a favore delle fonti rinnovabili, le quali continueranno ad essere protagoniste per i prossimi anni.

Fonte: SINAnetRete del Sistema Informativo Nazionale Ambientale – Andamento del fattore di emissione dell’energia elettrica nazionale [gCO2/kWh]

Fonte: – A Roadmap for moving to a competitive low carbon economy in 2050 – Riduzione delle emissioni per settore

 

Read More
Mercato Elettrico

Il mercato elettrico

By : Aldo |marzo 24, 2014 |Consumi, Emissioni, energia, Home |0 Comment

Questa settimana parliamo dell’analisi del mercato elettrico.

Analizzando l’andamento del prezzo dell’energia elettrica, in termini di €/MWh, negli ultimi 30 giorni, è possibile osservare come il valore più basso si verifichi di domenica, mentre durante la settimana si registrano i picchi di prezzo. La differenza tra prezzo minimo e prezzo massimo nell’arco di una sola settimana può essere significativo, passando ad esempio da 25 € a 60 €, con una variazione del 140%. Nell’arco del mese di riferimento (febbraio 2014), il prezzo massimo di acquisto è rimasto circa costante, mentre è oscillato molto il prezzo minimo.

Analizzando i volumi di scambio, si nota come questi diminuiscano durante i week end, per aumentare e rimanere costanti nel corso dei giorni feriali.

Quindi, gli scambi di energia elettrica rispecchiano la stessa domanda.

Se si osserva l’andamento giornaliero del prezzo dell’energia elettrica per un giorno feriale, si vede come questo segua l’andamento giornaliero della domanda di energia elettrica, attenuato dal fatto che il dispacciamento delle rinnovabili ha la priorità sul termoelettrico. Come conseguenza si ha una riduzione dei costi massimi nelle ore di punta, con un andamento più schiacciato rispetto alla curva della domanda in questo arco della giornata. Infatti, tra le ore 7:00 e le ore 16:00, il prezzo oscilla attorno al prezzo medio, con valori al di sotto dei massimi giornalieri, mentre la curva della potenza rimane sui massimi giornalieri.

Fonte: GME – Andamento dei prezzi e dei volumi dal 30 gennaio al 28 febbraio 2014

In serata, quando il contributo delle rinnovabili viene meno, il prezzo del MWh aumenta drasticamente, a scapito di una riduzione della potenza richiesta.

Probabilmente, senza il contributo delle fonti rinnovabili, il prezzo dell’energia elettrica nelle ore di punta sarebbe stato molto più alto, prossimo ai valori di picco.

Fonte: Terna- Curva di carico giornaliero domanda nazionale energia elettrica

Fonte: GME – Prezzo di acquisto energia elettrica – 28 febbraio 2014 – Mercato del giorno prima

Read More
Certificati Bianchi

Aggiornamento sul prezzo dei Certificati Bianchi

By : Aldo |marzo 19, 2014 |Consumi, Efficienza energetica, energia, Home |0 Comment

Questa settimana parliamo dei  Certificati Bianchi, o Titoli di Efficienza Energetica (TEE), il meccanismo che certifica il conseguimento di risparmi energetici a seguito di interventi di efficienza energetica realizzati.

Vi parliamo del valore attuale dei Certificati Bianchi sul mercato di riferimento in cui ha registrato un andamento crescente in questi primi due mesi del 2014 fino ad raggiungere i valori più alti dall’avvio del meccanismo.

 Infatti, nell’ultima sessione di mercato, verificatasi il 25/02/2014, il prezzo unitario dei TEE ha superato la soglia dei 144 €, quasi 40 € in più rispetto a valore registrato all’inizio dell’anno.

Tutto ciò è dovuto, con molta probabilità, alle modifiche al sistema dei certificati bianchi, introdotte all’inizio del 2014, le quali prevedono che vengano certificati solo progetti “ancora da realizzarsi o in corso di realizzazione”, attribuendo, così, un valore maggiore ai progetti di efficienza energetica i quali possono trovare dai certificati bianchi un importante sostegno per gli investimenti.

L’efficacia del meccanismo dei certificati bianchi, non solo, è stata messa in evidenza dall’ENEA nel “Terzo Rapporto Annuale sull’Efficienza Energetica” presentato il 6 febbraio 2014, individuandolo come il sistema che ha maggiormente contributo nel generare risparmi (circa 35.000 GWh/anno tra il 2008 e il 2012), ma trova conferma anche dalle 890 proposte di progetto che ENEA ha valutato tra dicembre 2013 e febbraio 2014 che immetteranno sul mercato titoli per un valore complessivo di 90 Mln€.

Read More
CompraVerde-BuyGreen

CS: Insieme al CompraVerde-BuyGreen

By : Aldo |ottobre 24, 2013 |Consumi, Efficienza energetica, energia, Home |0 Comment

Insieme al CompraVerde-BuyGreen

Realtà diverse fanno rete e partecipano alla
manifestazione milanese dedicata agli acquisti verdi

 

Ottobre 2013 – CompraVerde-BuyGreen si tiene il 30 e 31 ottobre al Palazzo delle Stelline in Corso Magenta 61 a Milano. La manifestazione, promossa dal Coordinamento Agende 21 Locali Italiane, Regione Lombardia, Adescoop – Agenzia dell’Economia Sociale ed Ecosistemi, con il patrocinio di numerose istituzioni italiane e comunitarie, nasce per offrire un contributo concreto  allo scambio e allo sviluppo di esperienze e buone pratiche di green economy in Italia.

Mercoledì 30 ottobre nell’ambito del Forum (giunto alla VII° edizione) dalle 11.30 alle 12.30 si terra l’incontro dal titolo Certificazioni per ridurre tempi, costi e… crisi di nervi, un’occasione per fare il punto sui vantaggi competitivi delle certificazioni in ambito privato e pubblico: come selezionare e partecipare a un appalto verde? Quali certificazioni di sistema e di prodotto ottenere anche in considerazione del fatto che entro il 2014 almeno il 50% degli appalti della PA dovrà essere verde, come indicato dal Piano d’azione nazionale per il Green Public Procurement (GPP)?

E-Cube parteciperà all’iniziativa con un intervento alle ore 12.00 dal titolo “OBIETTIVOMENO®: ESCo per combattere gli sprechi.

 

Per ulteriori informazioni:

info@e3cube.it

Tel. 06 96840526

Read More
logo ecoLogica

Comunicato stampa “Progetto Ecologica”

By : Aldo |ottobre 18, 2013 |Emissioni, Home |0 Comment

Poter efficacemente coniugare la sostenibilità a livello territoriale vuol dire essere gestire molte priorità (la mobilità, la qualità ambientale, la gestione efficiente dei servizi alla cittadinanza, la rigenerazione urbanistica, lo sviluppo economico, sociale e culturale dei centri urbani) dando la priorità ad un filo conduttore comune che integri sviluppo del territorio con la tutela e valorizzazione dell’ambiente e un sempre maggior coinvolgimento della cittadinanza nei processi decisionali e nel raggiungimento degli obiettivi.

Il progetto “Eco…logica, pensieri e stili di vita sostenibili” è un’iniziativa nata per mostrare cosa si intende per sostenibilità in ambito urbano, e cosa possono fare i cittadini per poter raggiungere ottimi risultati.

Nell’ambito del progetto E-Cube, con il supporto del Comune di Sassari, ha organizzato diverse iniziative, con obiettivi e strumenti diversi.

Nei giorni 18 e 19 ottobre si terrà un seminario, nella sede del CEAS del Lago di Baratz, che, attraverso esperienze di relatori locali e nazionali, intende promuovere le nuove forme della comunicazione ambientale ai soggetti (animatori territoriali dei CEAS sardi, insegnanti delle scuole dell’obbligo), che hanno un importante ruolo di diffusori presso varie categorie di cittadini.

La settimana dal 18 al 25 ottobre vedrà l’apertura della mostra “Eco….logica”, un percorso che vuole accompagnare la cittadinanza verso la conoscenza e la presa di coscienza del proprio ruolo attivo verso la sostenibilità nelle nostre città: il progresso tecnologico e la conoscenza rendono sempre più semplice la transizione verso città più a misura d’uomo.

La mostra vede quindi una percorso che partendo da una prima parte di tipo conoscitivo, sulle tecnologie e le applicazioni utilizzabili a livello urbano, si conclude con una sezione che illustra come realmente possiamo intervenire nelle nostre abitazioni e come si può e si dovrebbe progettare per raggiungere la sostenibilità negli edifici residenziali.

Inoltre ci sarà una sezione della mostra più sperimentale, dove i partecipanti possono avere un’”esperienza” sostenibile, attraverso la dimostrazione del funzionamento del solare fotovoltaico tramite un kit dimostrativo, e sfidando si in una gara tutta energetica, con biciclette che attraverso particolari rulli, producono energia elettrica pronta all’uso.

Infine il 24 ottobre si darà più spazio alle istituzioni e ai cittadini, con la tavola rotonda dal titolo “Governare la sostenibilità in ambito urbano: soluzioni, programmi, progetti ed opportunità per lo sviluppo delle nostre città”, e il successivo ritrovo per la proiezione del film the Age of Stupid.

Contatti E-Cube:  Daniele Villoresi  daniele@e3cube.it

Read More
Cassonetto per raccogliere e i piccoli RAEE

RAEE: arriva il cassonetto smart

By : Aldo |luglio 30, 2013 |Consumi, Home, Rifiuti |0 Comment

Dopo Bologna anche a Ravenna è stato istallato un innovativo “parcheggio” per i rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE). La sperimentazione di raccolta dei RAEE rientra nel progetto europeo Life Identis WEEE, partito due anni fa e la cui fase pratica è iniziata a  maggio con la collaborazione della multi-utility Hera, il consorzio Eco-light e con la Fondazione spagnola Ecolum. Il RAEE parking è stato ideato per “ospitare” piccoli elettrodomestici, televisori, monitor, aspirapolvere, neon e lampadine a risparmio energetico, oltre che, pile portatili.

Per accedere al cassonetto, che ha dimensioni considerevoli (7 x 2,5 metri), basta avere o la propria tessera sanitaria o la tessera Hera delle stazioni ecologiche, oppure avere la bolletta energetica Hera che riporta il codice a barre dell’utente.

Una volta registrato, il cittadino seleziona il tipo di rifiuto da conferire e il cassonetto in automatico apre lo sportello dove “gettare” il proprio RAEE.

Da Ecolight, consorzio per la gestione dei RAEE, spiegano che durante la prima fase, durata due mesi, a Bologna, il RAEE parking ha avuto più di 200 utenti ed ha permesso di recuperare tre tonnellate tra rifiuti elettronici, pile e accumulatori esausti.

Read More
Fiume Po

A Ravenna l’acqua del Po diventa potabile

By : Aldo |giugno 21, 2013 |Acqua, Consumi, Home |0 Comment

La città di Ravenna ha iniziato i lavori di costruzione del più grande impianto di trattamento delle acque, per rifornire la città di acqua potabile anche durante i periodi di massima richiesta, quando la presenza di riserve idriche negli invasi esistenti si riduce notevolmente. La tecnologia utilizzata sarà la membrana  ZeeWeed* 500 di GE – fibre cave rinforzate di ultrafiltrazioneche, captando l’acqua del fiume Po,  la tratterà potabilizzandola. La portata di acqua trattata sarà di 95000 metri cubi, arrivando a poter servire una popolazione fino a  400000 abitanti, ben oltre le esigenze della città dell’Emilia-Romagna.

L’impianto sarà costituito da 40 vasche con moduli ZeeWeed* 500 disposte su otto linee. Le membrane saranno immerse nelle vasche aerate, a diretto contatto con l’acqua da trattare, utilizzando come forza motrice la differenza di pressione tra le due superfici della membrana, prodotta grazie ad una pompa che permetterà il passaggio del permeato attraverso la membrana stessa. Durante questo processo la membrana semipermeabile tratterà le particelle in sospensione, i batteri, i virus e gli altri agenti patogeni;  l’acqua in uscita verrà inviata ad uno stadio di post-disinfezione per poter essere destinata al consumo umano.

I vantaggi di questo sistema rispetto ad una tecnologia MBR sono la riduzione dei costi energetici del 30% circa, la capacità di trattamento idrico migliorata del 15%, la riduzione degli interventi di controllo del 50%, la riduzione dell’ingombro fisico del 20% e in ultimo la riduzione del consumo delle sostanze chimiche per i lavaggi delle membrane.

Read More
tammam-azzam-the-kiss-2-537x402

Arte sostenibile contro la guerra civile in siria: il murales del bacio di Klimt

By : Aldo |giugno 16, 2013 |Arte sostenibile, Home |0 Comment

Il bacio di Klimt  sull’edificio devastato dalla guerra civile in Siria è un murales di  Tammam Azzam.

L’artista siriano Tammam Azzam, nato a Damasco nel 1980, ha realizzato la sua opera  su un palazzo dilaniato dalla guerra civile che impazza in Siria ormai da molto tempo nell’indifferenza più o meno totale della comunità internazionale. L’opera d’arte colpisce allo stomaco con la sua dolce potenza: il bacio di Gustav Klimt.

La poesia romantica del “bacio” sul muro simbolo della devastazione della guerra.

Il murales, che è il “graffiti della libertà”. Siamo profondamente convinti che la potenza dell’immaginazione umana e la creatività artistica sconfiggeranno ogni forma di violenza, la vita e la speranza prevarranno sulle barbarie……..sempre. L’arte è uno dei linguaggi che salva l’uomo nei momenti bui.

Read More
Aria sottile.......con l'efficienza energetica migliora

Volano i titoli di efficienza energetica

By : Aldo |giugno 16, 2013 |Efficienza energetica, Emissioni, energia, Home |0 Comment

Il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) con il supporto di ENEA ed RSE, ha concluso le istruttorie tecnica di 1.036 progetti per il rilascio dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE) detti anche certificati bianchi. Di questi progetti, 66 sono Proposte di Progetto e Programma di Misura (PPPM) e 970 Richieste di Verifica e Certificazione (RVC), presentati durante il periodo dal 3 febbraio 2013, data in cui l’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas (AEEG) ha trasferito la responsabilità sulla gestione dei TEE al GSE, al 31 maggio 2013.

A valle della chiusura dei procedimenti amministrativi e delle istruttorie tecniche durante il periodo transitorio, il GSE ha inoltre autorizzato il Gestore del Mercato Energetico (GME) ad emettere 2.775.016 di TEE, quantità che, secondo il GSE, risulta in linea con le previsioni del Ministero dello Sviluppo Economico.

Secondo i dati diffusi dal GME, nel mese di aprile, è stato registrato un aumento dei prezzi medi rispetto al mese precedente; in percentuale l’aumento è stato pari a 2,73 % per la Tipologia I, 2,51 % per la Tipologia II, 3,92% per la Tipologia II_CAR (Cogenerazione ad Alto Rendimento) e 0,64 % per la Tipologia III. In particolare i titoli di Tipo I sono stati scambiati ad una media di 109,24 € (rispetto a 106,24 € di marzo), i titoli di Tipo II ad una media di 108,72 € (rispetto a  106,06 € di marzo), i titoli di Tipo II_CAR ad una media di 110,07 € (rispetto a 105,92 € di marzo) e, infine, i titoli di Tipo III ad una media di 106,81 € (rispetto a 106,14 € di marzo).

Read More